Messaggio di errore

  • Deprecated function: ini_set(): Use of mbstring.http_input is deprecated in include_once() (line 214 of /home/fondazione/public_html/sites/default/settings.php).
  • Deprecated function: ini_set(): Use of mbstring.http_input is deprecated in include_once() (line 305 of /home/fondazione/public_html/sites/default/settings.php).
  • Deprecated function: ini_set(): Use of mbstring.http_output is deprecated in include_once() (line 306 of /home/fondazione/public_html/sites/default/settings.php).

LE PREDICHE ON LINE DI DON RAVAGNANI – Stefano Evangelista - novembre 2000

Ven, 20/11/2020 - 21:11 - manuela

LE PREDICHE ON LINE DI DON RAVAGNANI – Stefano Evangelista
Nel corso della chiusura dovuta alla pandemia la nostra comunità ha attivato le messe in streaming
per superare questo difficile momento conservando la nostra tradizionale messa con l’ufficio dei
nostri padri scolopi Sereni e Graif. Un’iniziativa che ha avuto un discreto seguito di partecipanti e
che ha posto anche una riflessione sulla possibiltà di arrivare ad un maggior numero di fedeli rispetto alla messa in presenza, che ovviamente è da privilegiare laddove possibile. In questa ottica
vogliamo riportare l’esperienza di Don Alberto Ravagnani, 26 anni, che fa prediche su You Tube
https://www.youtube.com/channel/UCf2G9izxBUHuhadtiuwSrtA dove ha la sua parrocchia virtuale con 100-150.000 fedeli (80.000 iscritti sul canale e 64.000 su Instagram https://www.instagram.com/donalberto_rava/?hl=it) mentre quella ufficiale a Busto Arsizio è composta da qualche centinaio di cittadini. Don Ravagnani pubblica contenuti su cui fa poi catechesi facendo un azione pastorale (Perchè avere fede non è da sfigati; A cosa serve pregare; Se
vuoi fare l’upgrade inizia a leggere: sono alcuni dei video lanciati da questo giovane sacerdote). Riceve tantissimi messaggi di persone, soprattutto giovani, che si aprono e si confrontano su questi temi socio-religiosi. Sappiamo che oggi piu che mai da un punto di vista comunicazionale la generazione dei figli è distante da quella dei padri e la Chiesa dovrà prenderne atto per entrare in
questo processo, come ha fatto nel recente passato con le messe in TV, radioMaria etc. cercando di rendere la Chiesa meno dogmatica e di parlare una lingua che i giovani sappiano riconoscere.