Messaggio di errore

  • Deprecated function: ini_set(): Use of mbstring.http_input is deprecated in include_once() (line 302 of /home/fondazione/public_html/sites/default/settings.php).
  • Deprecated function: ini_set(): Use of mbstring.http_output is deprecated in include_once() (line 303 of /home/fondazione/public_html/sites/default/settings.php).
  • Deprecated function: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in menu_set_active_trail() (linea 2385 di /home/fondazione/public_html/includes/menu.inc).
  • Deprecated function: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; views_display has a deprecated constructor in require_once() (linea 3245 di /home/fondazione/public_html/includes/bootstrap.inc).
  • Deprecated function: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; views_many_to_one_helper has a deprecated constructor in require_once() (linea 113 di /home/fondazione/public_html/profiles/commerce_kickstart/modules/contrib/ctools/ctools.module).

6 Gennaio 2019 – EPIFANIA DEL SIGNORE – anno C

6 Gennaio 2019 – EPIFANIA DEL SIGNORE – anno C                                                                        

  

Gli ultimi, i semplici, i poveri, i reietti ci stanno giudicando. Questo è un fatto da tener presente. Credere nel Vangelo vuol dire innanzi tutto ascoltare un messaggio che ci viene dal di fuori lungo strade che noi non conosciamo.

 

PRIMA LETTURA: L  Is 60,1-6- SALMO: 71- SECONDA  LETTURA:  Ef 3,2-3a.5-6- VANGELO:  Mt 2,1-12

 

…Sappiamo - sempre dal racconto di Matteo, tutto condotto avanti su questa contrapposizione - che la piccola Famigliola dovette andarsene in Egitto, profuga, per salvarsi dal potere. Ci sono persone che stanno fuggendo, che stanno esiliandosi dal nostro mondo. Noi gettiamo via persone, classi, popoli impauriti del nostro potere. Ecco perché un turbamento ci prende. E questo turbamento lo possiamo leggere nei vari schermi in cui si rappresenta la vita di oggi, casi diversa da quella di venti secoli fa: turbamenti economici, politici ... inquietudini culturali, criminalità dilagante. In questa situazione il nostro compito non è di metterci a disposizione degli arbitri di Erode o di metterci a scuola degli scribi tedeschi, di togliere dal nostro cuore ogni inquietudine dandoci una cultura integrante. Il nostro compito è di farci alleati con il viaggio universale dell'annuncio di salvezza. Il quale annuncio - torno a dirlo - è questo: che tutte le genti formino un solo corpo. Il che implica, evidentemente, un rifiuto del ruolo organico centrale che abbiamo assolto per secoli e per millenni. Ormai le speranze umane non hanno il loro epicentro in noi: si stanno organizzando fuori di noi. Da questo evento storico-politico e insieme cristiano (perché tutti i processi politici sono interni all'annuncio cristiano) noi siamo interpellati: da che parte siamo? Non è scontato che siamo dalla parte di Gesù di Betlemme come ci farebbe pensare una pietà a buon mercato e una devozione domenicale! Potremmo essere invece inseriti nei riti di sicurezza di Gerusalemme che uccide in sé il monito che le viene dalla paura. Se questo è vero - ed io ne sono convinto, personalmente - noi dovremmo recuperare alcuni principi essenziali su cui invece la nostra mentalità tradizionale scorreva in modo insipiente. Il primo è questo: l'annuncio di salvezza può venire da lontano. A portare a Gerusalemme - la città del Tempio - l'annuncio che era nato Gesù non furono i sacerdoti della città (né gli scribi) furono degli estranei. Sono molti, oggi, gli estranei incaricati di portare un messaggio. La salvezza passa per luoghi inediti e quindi richiede una capacità dl ascolto singolare. La cronaca dei nostri tempi noi dovremmo viverla al di fuori delle interpretazioni, ormai consumate, della nostra malizia di scribi. Gli ultimi, i semplici, i poveri, i reietti ci stanno giudicando. Questo è un fatto da tener presente. Credere nel Vangelo vuol dire innanzi tutto ascoltare un messaggio che ci viene dal di fuori lungo strade che noi non conosciamo. Più vado avanti e più ci penso: beati coloro che si dimenticano il sapere conquistato; che non si occupano più dl ciò che e stato pensato; che non vanno a rintracciare la parola di Dio nella polvere dei Concili del passato, perché essa è viva, imprevedibile e si affida ai gesti, ai gemiti, alle insurrezioni, alla bellezza della vita che nasce al di fuori degli steccati della nostra civiltà. Questa attenzione non è guidata da una frustrazione storica, né da una volontà di autodenigrazione: esprime la fiducia nella promessa di Dio, vasta come l'universo. Ci siamo dimenticati che la prima verità annunciata è la creazione del mondo che è, insieme, promessa di Dio. Gesù è venuto per ristabilire la promessa antica, cioè per benedire le linee della creazione che sono esse stesse portatrici della promessa di Dio. Il secondo principio è questo: un segno costante che la Scrittura ci ripropone per comprendere da quale parte è la forza di Dio, è il momento in cui il potere si impaurisce. Quando parlo del potere, parlo di una organizzazione del dominio che trova in se stessa il proprio senso. C'è un potere che è servizio e può essere la forza con cui si smonta il potere costituito. Non vorrei screditare in modo manicheo il potere in ogni caso. In realtà oggi ci troviamo in una situazione in cui, fino a prova contraria, il potere esprime la logica della dominazione. Quando avvengono fatti, testimonianze, processi storici di portata planetaria in cui questo tipo di potere si impaurisce, sappiamo già che Dio è in causa e che la sua promessa sta emergendo. Come, ad esempio, l'imbarazzo collettivo in cui si trova il sistema economico occidentale, per cui la paura serpeggia nelle grandi strutture in cui si prepara il nostro futuro economico. Questa paura è un fatto importante; anche se la paghiamo cara, in moneta contante. Non possiamo difendercene inveendo contro gli sceicchi. Dobbiamo domandarci se non sia finita per sempre la nostra posizione di privilegio e se la vera maniera di aiutare il progresso sia non già ristabilire il vecchio equilibrio ma favorirne un altro in cui l'umanità sia più vicina alla sua unità. Non è forse vero che i nostri equilibri si sono sempre retti - fino ad oggi - sul sopruso e sulla sofferenza della gran parte dell'umanità? E finalmente un altro principio - questo di prospettiva - essenziale per essere in linea con le promesse messianiche: l'universalità del progetto politico. Un progetto politico è conforme all'istanza della fede quando esso si propone un approdo universale. Come dire una liberazione universale, una giustizia universale del nostro paese non la dovremmo risolvere se non all'interno di una soluzione globale che riguarda il genere umano. Il che appare possibile solo a chi accetta come condizione permanente della nostra vita un itinerario che non consente sosta finché tutto il genere umano non sia un solo corpo. Il monte luminoso di cui parla il profeta Isaia, non è Gerusalemme, non è Roma: è quel monte santo in cui tutti i popoli, finalmente - sempre secondo Isaia - siederanno allo stesso banchetto. Il Monte Santo è la meta ultima del nostro cammino. Viviamo secondo la logica dell'Epifania solo se spezziamo i drappi sacri che ci avevano oscurato la prospettiva di universale salvezza, solo se non ci preoccupiamo della paura del potere. Benediremo Dio quando Erode si impaurisce e saremo tristi quando Erode è soddisfatto. Quando il potere ha paura è segno buono, perché l'universalità irrompe, la promessa di Dio viene e si afferma. La promessa dell'Epifania esulta dentro di noi solo quando i lontani e gli oppressi riprendono il cammino nella luce della speranza. 

 

Ernesto Balducci – da: “Il Vangelo della pace”- vol. 3